Fotogallery

PROGRAMMA

MARTEDÌ 23 OTTOBRE

MERCOLEDÌ 24 OTTOBRE

GIOVEDÌ 25 OTTOBRE

VENERDÌ 26 OTTOBRE

SABATO 27 OTTOBRE

DOMENICA 28 OTTOBRE

Il team di Venezia a Napoli 2018

Fotogallery 2019

FOTOGALLERY

MARTEDÌ 22 OTTOBRE

MERCOLEDÌ 23 OTTOBRE

GIOVEDÌ 24 OTTOBRE

VENERDÌ 25 OTTOBRE

SABATO 26 OTTOBRE

DOMENICA 27 OTTOBRE

SIC@SIC

SIC@SIC

Proiezione dei cortometraggi della Settimana della Critica di Venezia

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI NAPOLI
lunedì 28 ottobre, ore 10:00

La quarta edizione di SIC@SIC (Short Italian Cinema @ Settimana Internazionale della Critica) propone una selezione competitiva di sette cortometraggi di autori italiani non ancora approdati al lungometraggio, tutti presentati in prima mondiale. I cortometraggi sono stati programmati all’interno della 34. Settimana Internazionale della Critica. Il programma nasce dalla sinergia fra il Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani (SNCCI) e Istituto Luce-Cinecittà, ed è una delle iniziative per il supporto allo sviluppo del nuovo cinema italiano e per la promozione dei giovani autori. La rassegna dei cortometraggi degli esordienti italiani si è rivelata un vero e proprio osservatorio sulle nuove energie del cinema italiano. Dopo l’anteprima a Venezia, il dipartimento Promozione Internazionale Cinema Contemporaneo di Istituto Luce-Cinecittà offre ai cortometraggi presentati in concorso a SIC@SIC varie opportunità di promozione a livello internazionale attraverso una serie di iniziative e festival. Dal Sundance (Quelle brutte cose di Loris Giuseppe Nese) al resto del mondo, i cortometraggi presentati in questi quattro anni hanno vinto premi importanti e si sono fatti ammirare e apprezzare. Da qui passa il cinema italiano di domani.

Proiezioni

1. AMATEUR
di Simone Bozzelli. Italia, 2019. Col., 15’
Un caldo pomeriggio. Serena aiuta Christopher a studiare tedesco. Lui, annoiato, inizia a riprenderla con il suo cellulare.

2. FERINE
di Andrea Corsini. Italia, 2019. Col., 17’
Una donna raggiunge una villa in apparente stato di abbandono che sorge sul confine tra la società civilizzata e il bosco selvaggio dal quale è appena uscita a piedi nudi e sporca di fango.

3. FOSCA
di Maria Chiara Venturini. Italia, Slovenia, 2019. Col., 19'
Una famiglia aristocratica si trova di fronte alla rovina assoluta. La piccola Fosca deve prendersi cura della sua famiglia

4. MONOLOGUE
di Lorenzo Landi, Michelangelo Mellony. Italia, Argentina, Spagna, 2019. Col., 12’
Thomas è un cacciatore di suoni, di cui è alla costante ricerca. Quando il suo migliore amico lo tradisce scomparendo con Violet, la sua musa ispiratrice, Thomas perde una parte di sé: l’udito dall’orecchio sinistro.

5. IL NOSTRO TEMPO
di Veronica Spedicati. Italia, 2019. Col., 16’
Premio alla Migliore Regia
La distanza tra Roberta, una bambina di nove anni, e suo padre Donato sembra incolmabile, ma la scoperta che Donato è molto più fragile di quello che sembra, li porterà a restituire valore al loro tempo insieme.

6. LOS OCEANOS SON LOS VERDADEROS CONTINENTES
di Tommaso Santambrogio. Italia, 2019. Col., 20’
Premio al Miglior Contributo Tecnico
Sullo sfondo di una Cuba in crisi e decadente, in un bianco e nero lacerato dalla pioggia battente caraibica, Alex e Edith, due giovani sui 30 anni, vivono la loro storia d’amore, fatta di piccoli gesti quotidiani, di racconti del passato, nostalgia e di una profonda intimità.

7. VERONICA NON SA FUMARE
di Chiara Marotta. Italia, 2019. Col., 20’
Premio al Miglior Cortometraggio
Veronica, diciassette anni, ha spiato a lungo, da lontano, una vita diversa dalla sua, e l’ha scelta per sé. Quando finalmente riesce ad avvicinare Alessia, si immerge totalmente nel nuovo mondo, che si rivela uguale e allo stesso tempo diverso da quello che immaginava.

 

Federico Fellini in frames

Federico Fellini in frames

Pillole dell’Archivio storico Luce

a cura di Nathalie Giacobino

Tutte le proiezioni di Venezia a Napoli sono precedute dalle Pillole d’Archivio dell’Istituto Luce Cinecittà. 18 “piccolissimi film” da un minuto o poco più, tratti dall’immenso Archivio Storico Luce, perle in bianco e nero sulla materia di cui è fatto il cinema: i suoi segreti, i meccanismi, la sua magia.
Quest’anno il protagonista unico è Federico Fellini: un omaggio doveroso che prelude al 20 gennaio 2020, quando si celebrerà il centenario della sua nascita. Federico Fellini in frames è una raccolta preziosa di 18 pezzi d’archivio, che seguono il regista lungo l’arco di tutta la sua carriera, dal giovane autore tesissimo alla vigilia dell’anteprima de I vitelloni a Venezia ’53 a La dolce vita raccontata in diretta dalla Fontana di Trevi (dove Anita Ekberg viene asciugata dagli assistenti di scena); dall’ormai celebrato maestro di trattato con fare ossequioso dall’intervistatore fino al Fellini mitico ‘provinatore in Amarcord.
Le pillole di Federico Fellini in frames ci restituiscono i lampi di quella magnifica invenzione, mista di sospette verità e parziali bugie, che è stata la vita nel cinema di Fellini. E restituiscono le capitali di quest’arte: Venezia, Cannes, la Los Angeles degli Oscar, e la città in cui avrebbe voluto vivere, Cinecittà.

Una produzione Istituto Luce Cinecittà
A cura di Nathalie Giacobino. Montaggio di Patrizia Penzo.
Si ringrazia la Rai Direzione Teche per aver gentilmente concesso il materiale filmato, e Gaumont Pathé Archives - collection Gaumont.

Federico Fellini in Frames

1. 14. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, Leone d’argento a Federico Fellini per il film “I VITELLONI” (1953; Archivio Storico Luce)

2. Leone San Marco per il film “LA STRADA” alla 15. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia (1954; Archivio Storico Luce)

3. Si gira a Via Veneto a Roma il film “LE NOTTI DI CABIRIA” con Giulietta Masina e Amedeo Nazzari (1956; Archivio Storico Luce – RAI Teche)

4. Roma, Fontana di Trevi, sul set del film “La DOLCE VITA” con Anita Ekberg (1960; Gaumont Archive/ RAI Teche)

5. Roma, al cinema Fiamma l’anteprima del film “LA DOLCE VITA” (1960; Archivio Storico Luce)

6. Festival di Cannes. Palma d’oro per il film “LA DOLCE VITA” (1960; Archivio Storico Luce)

7. Roma, al cinema Fiamma l’anteprima del film “8½” (1963; Archivio Storico Luce)

8. Academy Awards. Al Civic Auditorium di Santa Monica Federico Fellini ritira l’Oscar come miglior film straniero al film “8½” (1964; Archivio Storico Luce)

9. Roma, Cinecittà. Federico Fellini prova una scena con Giulietta Masina per le riprese del film “GIULIETTA DEGLI SPIRITI” (1965; RAI Teche)

10. Roma, prove di scena con Sandra Milo le riprese del film “GIULIETTA DEGLI SPIRITI” (1965; RAI Teche)

11. Roma, all’ Excelsior conferenza stampa di Federico Fellini e Ingmar Bergman per il film mai realizzato “DUET LOVE” (1969; Archivio Storico Luce)

12. Federico Fellini dirige una comparsa sul set del film “SATYRICON” (1969; RAI Teche)

13. 30. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia Federico Fellini presenta il cast del suo “SATYRICON” (1969; Archivio Storico Luce)

14. Provino per il ruolo del padre di Titta nel film “AMARCORD” (1974; RAI Teche)

15. Cinecittà. Al doppiaggio del film “CASANOVA” con Oreste Lionello e Gigi Proietti (1977; RAI Teche)

16. Cinecittà. Prove tecniche sul set del film “LA CITTÀ DELLE DONNE” (1980; Gaumont Archive)

17. Cinecittà. Lettura del copione per il film “LA CITTÀ DELLE DONNE” (1980; Gaumont Archive)

18. Fellini seguito dai paparazzi sul motoscafo arriva a Venezia per presentare il suo film “E LA NAVE VA” (1983; Archivio Storico Luce – Fondo Mario Canale)