Film 2019

Film 2019

  • TIRO AL PICCIONE di Giuliano Montaldo

    Italia, 1961, 114’
    con Eleonora Rossi Drago, Jacques Charrier, Francisco Rabal

    All’indomani dell’8 settembre 1943, il giovane Marco aderisce alla Repubblica di Salò. L’iniziale spinta patriottica viene messa in crisi dalla brutale violenza dei camerati contro gli altri italiani e le convinzioni di Marco iniziano a vacillare. Ferito, inizia una relazione con Anna, un’infermiera più grande di lui. Anna però fugge in Svizzera con il suo capitano. Durante una missione di guerriglia, annichilito e sconvolto dagli orrori visti e perpetrati, si addormenta in mezzo ai cadaveri dei commilitoni.

    Al film, restaurato dalla Cineteca Nazionale e presentato alla Mostra del Cinema di Venezia nel 2019, sono stati dedicati due eventi speciali a Venezia a Napoli. Il cinema esteso. Il regista ha, infatti, presentato la pellicola al Cinema Astra e al Cinema Pierrot di Ponticelli.

  • BU SAN (GOODBYE, DRAGON INN) di Tsai Ming- Liang

    Taiwan, 2003, 82’
    con Lee Kang-Sheng, Chen Shiang-Chyi, Kiyonobu Mitamura

    Nel vecchio e decrepito cinema Good Fortune di Taipei, ormai prossimo alla chiusura definitiva, viene proiettato per l'ultima volta un film, il wǔxiá Dragon Inn (1967) di King Hu. In tal contesto, s'intrecciano le vite e le vicissitudini di alcune persone: il proiezionista Hsiao-kang (Lee), la bigliettaia zoppa (Chen), un turista giapponese in cerca di avventure omosessuali (Mitamura) ecc. Mentre i bagni sono luogo privilegiato per fugaci incontri sessuali, gli spettatori in sala sono pochissimi: fra loro anche due attori della pellicola in programma, Jun Shih (sé stesso) e Miao Tian (sé stesso), dei quali il primo si commuove a rivedere la sua interpretazione dopo tanti anni d'inattività.

    La versione restaurata del film Bu San – Goodbye Dragon Inn di Tsai Ming-Liang (2003) è stata presentata tra gli eventi speciali a Venezia nel 2019, per poi essere proiettato il 24 ottobre al Cinema Astra in un evento in collaborazione con l’Istituto Confucio di Napoli a cui hanno preso parte Enrico Ghezzi e Feng Hui, direttrice dell'Istituto Confucio.

  • LA MAFIA NON È PIÙ QUELLA DI UNA VOLTA di Franco Maresco

    Doc, Italia, 2019, 107’
    con Letizia Battaglia, Franco Maresco, Ciccio Mira

    Documentario satirico ispirato agli ideali di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e alla loro permanenza nell'Italia di oggi, ed in particolar modo in Sicilia, tra nostalgie improbabili e personaggi insoliti.

    Il film, premio Speciale della Giuria a Venezia 76, è stato presentato a Napoli domenica 27 ottobre 2019 in un evento speciale introdotto da Antonella Di Nocera e Bruno Roberti, in presenza del regista Franco Maresco.

  • BLANCO EN BLANCO di Théo Court

    Spagna, Cile, Francia, Germania, 2019, 100’
    con Alfredo Castro, Lars Rudolph, Lola Rubio

    Siamo all’inizio del ventesimo secolo. Pedro arriva nella Terra del Fuoco, un luogo violento e inclemente, per fotografare il matrimonio di un potente proprietario terriero di nome Porter. La sua futura moglie, ancora una bambina, diventa l’ossessione di Pedro. Nel tentativo di catturare la sua bellezza, egli rivela le forze del potere che dominano queste terre. La sua rivelazione viene scoperta e Pedro è punito. Impossibilitato a fuggire, viene invece costretto a diventare complice della realizzazione di una nuova società che sorge dal genocidio del popolo Selknam.

    Il film, Premio Orizzonti Per La Migliore Regia a Théo Court, è stato presentato dal regista venerdì 25 ottobre 2019 al Cinema Astra.

  • GLORIA MUNDI di Robert Guédiguian

    Francia, Italia, 2019, 107’
    con Ariane Ascaride, Jean-Pierre Darroussin, Gérard Meylan

    A Marsiglia una famiglia si riunisce per la nascita della piccola Gloria. Nonostante la gioia, per i giovani genitori sono tempi duri. Mentre lottano per uscire dalla difficile situazione, si ricongiungono con il nonno di Gloria, un ex carcerato.

    Il film è stato presentato a Venezia a Napoli. Il cinema esteso Mercoledì 22 Ottobre 2019 al Cinema  Astra alla presenza dell’attore protagonista Gérard Meylan.

  • EL PRINCIPE di Sebastian Munoz

    Cile, Argentina, Belgio, 2019, 96'
    con Juan Carlos Maldonado, Alfredo Castro, Gaston Pauls

    Cile, 1970. Nel corso di una notte alcolica Jaime, ventenne solitario, accoltella il suo miglior amico in quello che sembra un omicidio passionale. Condannato al carcere, il ragazzo incontra “lo stallone”, un uomo maturo e rispettato, nel quale trova protezione e grazie al quale conosce l’amore e la lealtà. Dietro le sbarre Jaime diventa “il principe”. Ma mentre il rapporto fra i due uomini si solidifica, “lo stallone” deve affrontare le violente lotte di potere all’interno del carcere.

    Il film è stato presentato dal regista venerdì 25 ottobre 2019 al Cinema Astra.

  • NO.7 CHERRY LANE di Yofan

    Hong Kong SAR, Cina, 2019, 125’

    Negli anni Sessanta, mentre si definisce uno stile di vita materialistico, a Hong Kong emergono anche correnti alternative. Ji yuan tai qi hao narra la storia di Ziming, uno studente dell’Università di Hong Kong combattuto tra i sentimenti che nutre per la signora Yu, una madre in autoesilio da Taiwan negli anni del Terrore Bianco, e la sua bellissima figlia Meiling. Ziming le porta a vedere diversi film e, attraverso i momenti magici catturati sul grande schermo, si fanno strada passioni proibite. L’arco temporale coincide con gli eventi turbolenti vissuti a Hong Kong nel 1967.

    Il film, vincitore del Premio per la Migliore Sceneggiatura a Venezia 76, è stato proiettato domenica 27 ottobre 2019 al Cinema Astra.

  • LO SCEICCO BIANCO di Federico Fellini

    Italia, 1952, 86’
    con Alberto Sordi, Giulietta Masina, Leopoldo Trieste

    Una coppia di sposini, Ivan e Wanda, arriva a Roma in viaggio di nozze. Mentre Ivan si vuole dedicare a parenti e chiesa, Wanda vuole conoscere il suo eroe, un personaggio di fotoromanzi chiamato lo Sceicco bianco.

    Il classico restaurato dalla Cineteca di Bologna, è stato presentato il 25 ottobre al Cinema Pierrot in un evento dedicato alle scuole, introdotto da Stefano Francia di Celle, curatore della sezione Venezia Classici.

  • SE C’È UN ALDILÀ SONO FOTTUTO di Simone Isola, Fausto Trombetta

    Doc, Italia, 2019, 83’
    con Luca Marinelli, Alessandro Borghi, Silvia D'Amico

    A distanza di qualche anno da Non essere cattivo, i registi riescono ad accostarsi a un personaggio così complesso e al tempo stesso affascinante con il dovuto distacco e con la necessaria lucidità. Il documentario riflette sul percorso di un autore coerente con le proprie idee di cinema e di vita, che è riuscito a realizzare con quella libertà espressiva che riteneva inderogabile.Il film, presentato nella sezione Venezia Classici Documentari, è stato presentato a Napoli dai registi domenica 27 ottobre 2019.

  • IL SINDACO DEL RIONE SANITÀ di Mario Martone

    Italia, 2019, 118’
    con Francesco Di Leva, Massimiliano Gallo, Roberto De Francesco

    Antonio Barracano è un uomo conosciuto da tutti come il sindaco del Rione Sanità, un uomo d’onore e giusto, che è in grado di separare la gente per bene da quella corrotta e che amministra la giustizia secondo i suoi criteri personali. La regola? Chi “tiene santi” va in Paradiso mentre chi non ne ha va da Don Antonio.

    Francesco Di Leva, Premio Pasinetti speciale, ha presentato il film al Cinema Vittoria ad Aversa giovedì 24 ottobre 2019.

Film 2018

Film 2018

  • IL BENE MIO di Pippo Mezzapesa

    Italia, 2018, 94’
    con Sergio Rubini, Sonya Mellah, Dino Abbrescia

    Elia, ultimo abitante di Provvidenza, paese distrutto da un terremoto, rifiuta di adeguarsi al resto della comunità, che preferisce dimenticare. Per Elia, il suo paese vive ancora e, con l'aiuto dell'amico Gesualdo, cerca di tenerne vivo il ricordo.

    Il film, presentato tra gli eventi speciali alle Giornate degli autori, è stato proiettato a Venezia a Napoli. Il cinema esteso venerdì 26 ottobre 2018 con la partecipazione del regista.

  • UN GIORNO ALL’IMPROVVISO di Ciro D’Emilio

    Italia, 2018, 89’
    con Anna Foglietta, Giampiero De Concilio, Massimo De Matteo

    Antonio sogna di diventare una stella del calcio. Miriam, sua madre, sogna invece di ricostruirsi una vita dopo l'abbandono del marito. Quando un impresario calcistico mette gli occhi sul ragazzo, le dinamiche famigliari cambiano.

    Il film (Orizzonti) è stato presentato al Cinema Astra durante l’ultima giornata dell’ottava edizione di Venezia a Napoli. Il Cinema esteso, domenica 28 ottobre 2018.

  • KILLING (ZAN) di Shinya Tsukamoto

    Giappone, 2018, 90’
    con Sousuke Ikematsu, Yu Aoi, Tatsuya Nakamura

    Mokunoshin Tsuzuki è un giovane samurai errante senza padrone. Si ferma in un villaggio di contadini poveri, per proteggerli e aiutarli a raccogliere il riso. Si tiene in esercizio incrociando la spada con Ichisuke, il figlio adolescente della famiglia che lo ospita. Un giorno si presenta al villaggio Sawamura, un samurai anziano, deciso a reclutare altri guerrieri per recarsi a Kyoto e combattere nella guerra civile. Tsuzuki accetta di seguirlo.

    Il film è stato in concorso per il Leone D’oro alla Mostra del Cinema di Venezia nel 2018.

  • A LETTER TO A FRIEND IN GAZA / A TRAMWAY IN JERUSALEM di Amos Gitai

    Durante la penultima serata dell’ottava edizione di Venezia a Napoli. Il cinema esteso è stato organizzato un evento dedicato ad Amos Gitai, durante il quale il regista stesso ha presentato due delle sue opere più recenti.

    A LETTER TO A FRIEND IN GAZA
    Doc, Israele, 2018, 34
    con Makram Khoury, Clara Khoury, Hilla Vidor, Amos Gitai

    Grazie a testi di Mahmoud Darwish, S.Yizhar, Emile Habib, Amira Hass e Albert Camus, Amos Gitai struttura un j'accuse molto diretto alla politica del governo israeliano nei confronti dei palestinesi.

    A TRAMWAY IN JERUSALEM
    Israele, Francia 2018, 94’
    con Noa Ahinoamam Nini, Mathieu Amalric, Hana Laslo

    Una sitcom che mescola storie e situazioni umane nel contesto della società israelo-palestinese del 2018. A Gerusalemme, il tram collega diversi quartieri, da est a ovest, registrandone varietà e differenze. Il film raccoglie un mosaico di esseri umani di questa città che è anche il centro spirituale delle tre grandi religioni monoteiste, ebraismo, cristianesimo e islam. Osserviamo la vita quotidiana di questo paesaggio umano, una serie di incontri che avvengono sulla linea rossa della tramvia, dai quartieri palestinesi di Shuafat e Beit Hanina di Gerusalemme est fino a Mount Herzl a Gerusalemme ovest.

  • THE OTHER SIDE OF THE WIND Di Orson Welles

    Usa, 2018, 122’
    con John Huston, Peter Bogdanovich, Oja Kodar

    Nel 1970 il leggendario regista cominciò a girare la sua ultima opera cinematografica con grandi nomi, tra cui John Huston, Peter Bogdanovich, Susan Strasberg e Oja Kodar, la compagna di Welles. Afflitta da problemi finanziari, la produzione continuò a fatica fino al 1976, senza essere terminata. Più di mille rulli restarono abbandonati in un deposito di Parigi fino a marzo 2017, quando il produttore Frank Marshall e Filip Jan Rymsza riunirono gli sforzi affinché il progetto di Welles fosse completato, a più di trent’anni dalla sua morte.

    Il film, presentato fuori concorso alla Mostra Del Cinema di Venezia nel 2018, è stato proiettato in anteprima a Napoli per poi essere trasmesso in streaming su Netflix.

  • WHAT YOU GONNA DO WHEN THE WORLD’S ON FIRE? di Roberto Minervini

    Doc, Italia, Usa, Francia, 2018, 123’
    con Judy Hill, Dorothy Hill, Michael Nelson

    Estate 2017, una serie di brutali uccisioni di giovani africani americani per mano della polizia scuote gli Stati Uniti. Una comunità nera del Sud americano affronta gli effetti persistenti del passato, cercando di sopravvivere in un paese che non è dalla parte della sua gente. Intanto le Black Panthers organizzano una ferma manifestazione di protesta contro la brutalità della polizia. Una scottante riflessione sul concetto di razza in America.

  • YOUR FACE (NI DE LIAN) di Tsai Ming-liang

    Doc, Taiwan, 2018, 76’
    con Huang Hsueh-feng, Hsu Lin Yu-jung, Liu Chin-hua

    Mentre camminavo per le strade di Taipei in cerca di volti per il mio film, alcuni versi hanno cominciato a risuonare nella mia mente. Li ho trascritti: C’è una luce, c’è una storia. Il tuo volto mi parla del trascorrere del tempo e di luoghi che hai attraversato. Nei tuoi occhi, un velo di confusione e di tristezza. C’è una luce, c’è una storia. Il tuo volto mi parla dell’amore e dei luoghi in cui si nasconde.  Nei tuoi occhi, un riflesso di luce, e il buio.  Questo è il significato del film.

    La proiezione del film al Cinema Astra è stata introdotta dalla direttrice Paola Paderni e dal critico cinematografico Enrico Ghezzi in un evento in collaborazione con l’Istituto Confucio dell’Orientale di Napoli, mercoledì 24 ottobre nell’ambito di Venezia a Napoli. Il cinema esteso.

  • SULLA MIA PELLE di Alessio Cremonini

    Italia, 2018, 100’
    con Alessandro Borghi, Jasmine Trinca, Max Tortora

    L’emozionante racconto degli ultimi giorni di vita di Stefano Cucchi e della settimana che ha cambiato per sempre la vita della sua famiglia. Il film ha aperto la sezione Orizzonti della Mostra Del Cinema di Venezia nel 2018, conquistando il Premio Francesco Pasinetti Speciale al Film e ai Migliori Attori.

    Il regista ha presentato la pellicola sabato 27 ottobre 2018 al Cinema Astra e al Cinema Vittoria ad Aversa, in un evento dedicato esclusivamente alle scuole.

  • BEAUTIFUL THINGS di Giorgio Ferrero

    Doc, Italia, 2017, 94’
    con Van Quattro, Danilo Tribunal, Andrea Pavoni Belli

    Un'esplorazione all'interno dell'ossessione al consumo propria dell'uomo contemporaneo, che si circonda di un'infinità di oggetti superflui spesso utilizzati per un breve periodo e, poi, gettati via. Il film è il vincitore italiano della Biennale College ed è stato presentato in anteprima alla 74. Mostra del Cinema di Venezia. Tra i riconoscimenti ottenuti c’è il Premio Miglior Film al Festival CPH: DOX Copenaghen e il Premio Speciale della Giuria Annecy Cinema Italien.

    Beautiful things è stato presentato in esclusiva a Napoli dai registi martedì 23 ottobre 2018 in apertura dell’ottava edizione di Venezia a Napoli. Il cinema esteso.

  • STILL RECORDING (LISSA AMMETSAJJEL) di Saeed Al Batal, Ghiath Ayoub

    Doc, Siria, Libano, Qatar, Francia, Germania, 2018, 116'

    Saeed è un giovane cinefilo che cerca di insegnare ai giovani di Ghouta, in Siria, le regole del cinema, ma la realtà che si trovano ad affrontare è troppo dura per seguire alcuna regola. Il suo amico Milad vive dall’altra parte della barricata, a Damasco, sotto il controllo del regime, dove sta terminando gli studi d’arte. Un giorno, Milad decide di lasciare la capitale e raggiungere Said nella Douma assediata. Qui i due mettono in piedi una stazione radio e uno studio di registrazione. Tengono in mano la videocamera per filmare tutto ciò che li circonda, fino a quando un giorno sarà la videocamera a filmare loro.

    Il film è il vincitore della 35. Settimana della critica e si è aggiudicato tra gli altri il premio Fipresci.

  • UNA STORIA SENZA NOME di Roberto Andò

    Italia, Francia 2018, 110’
    con Micaela Ramazzotti, Renato Carpentieri, Laura Morante

    Valeria, segretaria di un produttore cinematografico, vive appartata, sullo stesso pianerottolo della madre, e scrive in incognito per uno sceneggiatore di successo. Un giorno la donna viene avvicinata da un misterioso poliziotto in pensione che racconta una storia criminale. Quando torna a casa usa quello che ha udito per scrivere un soggetto: sarà la prossima sceneggiatura dell’autore. Il soggetto piace molto, ma si rivela pericoloso: racconta, infatti, il misterioso furto del quadro di Caravaggio, La Natività, avvenuto nel 1969 a Palermo per mano della mafia.

    Il film, presentato fuori concorso a Venezia nel 2018, è stato proiettato al Cinema La Perla Giovedì 25 Ottobre 2018 alla presenza del regista e dell’attore Renato Carpentieri.

Film 2016

Film 2016

  • BITTER MONEY di Wang Bing

    Doc, Hong Kong, 2016, 152’
    con Ling Ling, Huang Lei

    In una città in rapida crescita della Cina orientale arrivano migranti che sognano una vita migliore. Ma trovano solo piccole opportunità e scarse condizioni di vita che spingono tutti, anche le coppie, verso rapporti violenti e oppressivi. Xiao Min, Ling Ling e Lao Yeh sono alcuni personaggi di questa cronaca amara della Cina di oggi.

    Il film si è aggiudicato il Premio Orizzonti alla Miglior Sceneggiatura.

  • AUSTERLITZ di Sergei Lonitsa

    Doc, Germania, 2016, 94’

     

    Un documentario dedicato ai visitatori dei campi di contramento sparsi per l'Europa. Il regista si chiede cosa spinga queste persone a vedere luoghi tanto dolorosi e carichi di storia e cosa si aspettino da essi.

    Il film, candidato agli European Film Awards, è stato presentato dal direttore della fotografia Jesse Mazuch, domenica 29 ottobre 2016.

  • PROCESSO ALLA CITTÀ di Luigi Zampa

    Italia, 1952, 99’
    con Amedeo Nazzari, Paolo Stoppa, Mariella Lotti

    A Napoli vengono assassinati Salvatore Ruotolo e sua moglie. I corpi esanimi degli uccisi vengono trovati in luoghi diversi. Poiché si tratta evidentemente di un delitto ascrivibile alla camorra, l'omertà e la paura sono un serio ostacolo al procedere delle indagini iniziate dalle autorità.

    Vincitore del Premio Venezia Classici per il miglior film restaurato, è stato proiettato tre volte, anche per le scuole, nell’ambito di Venezia a Napoli. Il cinema esteso.

  • THE NIGHTS OF ZAYANDEH-ROOD di Mohsen Mahkmalbaf

    Iran, 1990, 63’
    con Manuchehr Esmaili, Mojgan Naderi, Parvaneh Goharani

    Alcuni anni prima della Rivoluzione Islamica, un professore ha un terribile incidente d'auto dal quale non riesce a riprendersi e decide di rimanere chiuso in casa per molti anni finendo per sviluppare un atteggiamento ostile nei confronti delle persone. Dopo la vittoria della Rivoluzione Islamica, torna ad insegnare all'Università anche se costretto su una sedia a rotelle.

    Il film è uscito dagli archivi della censura iraniana dopo 26 anni in occasione del Festival di Venezia. Il regista Mahkmalbaf ha presentato il film a Venezia a Napoli. Il cinema esteso venerdì 28 ottobre 2016.

  • DAVID LYNCH: THE ART LIFE di Rick Barnes, Jon Nguyen e Olivia Neergaard-Holm

    Doc, Usa, 2016, 90’
    con David Lynch

    Un ritratto inedito di uno dei più enigmatici e significativi cineasti contemporanei: David Lynch. Dall'infanzia nell'idillio della campagna statunitense sino alle brulicanti strade di Philadephia, la storia di un regista originale e incisivo.

  • LE CONCOURS di Claire Simon

    Doc, Francia, 2016, 119’

    Miglior documentario sul cinema alla Mostra di Venezia 2016, un’immersione nella vita quotidiana della scuola di cinema La Fémis a Parigi, dove per le ammissioni viene applicato un ideale repubblicano di eccellenza che può essere riassunto in una sola frase: tutti sono uguali, ma solo i migliori entrano.

    Il film è stato presentato a Venezia a Napoli. Il cinema esteso domenica 30 ottobre 2016 alla presenza della regista, in una serata in collaborazione con l’Istituto Francese a Napoli e la rassegna Astradoc – Viaggio nel cinema del reale.

  • Spira Mirabilis

    SPIRA MIRABILIS di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti

    Doc, Italia, 2016, 121’

    Il documentario racconta cinque storie legate agli elementi naturali per esplorare il concetto di rigenerazione e immortalità. Fuoco, acqua, aria, terra e spirito scandiscono ogni istante della nostra permanenza sul pianeta.

Film 2017

Film 2017

  • EX LIBRIS. THE NEW YORK PUBLIC LIBRARY di Frederick Wiseman

    Doc, USA, 2017, 97’
    con Patti Smith, Elvis Costello, Richard Dawkins

    Un documentario dedicato alla New York Public Library e alle sue novantadue sezioni: un mondo oscuro a chi non è bibliofilo o ricercatore che tuttavia rappresenta un baluardo formidabile nella difesa e nel mantenimento del sapere.

    Il film è stato proiettato giovedì  26 ottobre 2017 alla presenza del direttore della Mostra del cinema di Venezia Alberto Barbera, il presidente del Premio Napoli Domenico Ciruzzi e il prorettore dell’Università Federico II di Napoli Arturo De Vivo.

  • JUSQU’À LA GARDE di Xavier Legrand

    Francia, 2017, 90’
    con Denis Ménochet, Léa Drucker, Thomas Gioria

    Dopo il divorzio, Miriam e Antoine ottengono l'affido congiunto del figlio Julien, deciso a restare con la madre. Ostaggio di un padre geloso e irascibile e scudo per una madre braccata, Julien vorrebbe proteggere la donna, ma non è semplice.

    Dopo aver vinto il Leone d'argento - Premio speciale per la regia e il Leone del futuro - Premio opera prima "Luigi De Laurentiis" alla 74. Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, il film ha inaugurato la settima edizione di Venezia a Napoli. Il cinema esteso giovedì 26 ottobre 2017, in una serata evento a cui hanno partecipato il regista Xavier Legrand, il direttore della Mostra del cinema di Venezia Alberto Barbera, e il rettore dell’Università Federico II di Napoli Arturo De Vivo.

  • NON C’È PACE TRA GLI ULIVI di Giuseppe De Santis

    Italia, 1950, 107’
    con Raf Vallone, Lucia Bosè, Folco Lulli

    Un reduce della Seconda Guerra Mondiale ruba delle pecore a un malvagio profittatore bellico, ma il potente riesce a far condannare il poveretto. Non soddisfatto, il ricco insidia la fidanzata del carcerato che, evaso, cerca di vendicarsi.

    Il film, restaurato dalla Cineteca Nazionale, è stato proiettato venerdì 27 ottobre 2017 in due eventi dedicati esclusivamente alle scuole e domenica 29 ottobre al Cinema Astra nell’ambito di Venezia a Napoli. Il cinema esteso.

  • THIS IS CONGO di Daniel McCabe

    Doc, Usa, 2017, 91’

    La storia di tre persone che provengono dal Congo e che vivono tutti i giorni le conseguenze di una guerra silenziosa. Il film, presentato fuori concorso a Venezia, è stato introdotto dal regista domenica 29 ottobre al Cinema Astra.

  • IL SIGNOR ROTPETER di Antonietta De Lillo

    Italia, 2017, 37’
    con Marina Confalone

    Ritratto immaginario dedicato al personaggio creato dalla penna di Franz Kafka, scimmia diventata uomo, interpretata da una sorprendente Marina Confalone. Antonietta De Lillo crea un personaggio cinematografico che ha in sé istanze senza tempo quali libertà e sopravvivenza, portando lo spettatore a rispecchiarsi in questo strano individuo.

    Il film, presentato fuori concorso alla 74. Mostra del Cinema di Venezia, è stato proiettato giovedì 26 ottobre in una serata evento a cui hanno partecipato la regista, la protagonista Marina Confalone, il direttore della Mostra del Cinema di Venezia Alberto Barbera e il critico cinematografico Valerio Caprara.

  • DOVE CADONO LE OMBRE di Valentina Pedicini

    Italia, 2017, 95’
    con Elena Cotta, Federica Rosellini, Josafat Vagni

    Un'infermiera che lavora in una casa di riposo per anziani cerca ciò che la lega a quel posto. All'arrivo di una gentile signora anziana, l'infermiera ricorda di essere stata paziente quando l'edificio era utilizzato per esperimenti di eugenetica.

    Il film, vincitore del nuovo Imaie Talent Award (Federica Rossellini) e del Premio Edipo Re, è stato presentato dalla regista Valentina Pedicini e da Federica Rossellini sabato 28 ottobre 2017 al Cinema Astra.

  • L’ORDINE DELLE COSE di Andrea Segre

    Italia, Francia, 2017, 102’
    con Paolo Pierobon, Giuseppe Battiston, Valentina Carnelutti

    Un funzionario del Ministero degli Interni ha il compito di arginare l'immigrazione clandestina dalla Libia stringendo un accordo con il governo. Il suo viaggio, tuttavia, ha un esito decisamente inatteso.

    Il film, presentato tra le proiezioni speciali a Venezia 74, è stato presentato a Venezia a Napoli domenica 29 ottobre 2017 alla presenza dello sceneggiatore Marco Pettenello.

  • LES BIENHEREUX di Sofia Djama

    Francia, Belgio, Qatar, 2017, 102’
    con Sami Bouajila, Nadia Kaci, Lyna Khoudri

    Il film racconta la tragedia attraverso lo scontro generazionale. La guerra entra prepotente in scena senza bisogno di mostrarsi. All'immagine del conflitto si sostituisce il caos e lo spaesamento di chi ne vive le conseguenze, i traumi e le cicatrici.

    Premio Orizzonti per la Migliore interpretazione femminile a Lyna Khoudri, il film è stato presentato a Napoli dalla regista lunedì 30 ottobre 2017.

Film 2015

Film 2015

  • KALON POTHI / THE BLACK HEN di Min Bahadur Bham

    Nepal, Germania, Svizzera, Fra, 2015, 90’

    Nel corso della cosiddetta guerra civile che ha dilaniato il Nepal per 10 anni, dal 1996 al 2006, contrapponendo l’esercito regolare ai rivoluzionari di ispirazione maoista, Prakash e Kiran sono due ragazzini che l’appartenenza a due diverse caste divide, ma l’amicizia e l’età uniscono. Una gallina bianca, rubata in un campo di grano, diventa la loro speranza. Allevandola, Prakash pensa di poter racimolare quel tanto di denaro per permettere alla sorella Bijuli almeno gli studi. Ma la gallina passa inaspettatamente di mano e servirà dell’ingegno per farla tornare ai piccoli proprietari.

    Il film si è aggiudicato il Premio Fedeora Miglior Film- SIC ed è stato presentato dal regista giovedì 22 ottobre 2015 al Cinema Astra.

  • BEHEMOTH di Zhao Liang

    Doc, Cina, Fra, 2015, 95’

    Zhao Liang viaggia attraverso le praterie del vasto altopiano della Mongolia con la sua macchina da presa. Davanti ai suoi occhi emergono i segni degli sconvolgimenti causati dalla moderna economia e le distese erbose sono ricoperte dalle polveri dell'industria mineraria. A causa della cenere, dell'infernale frastuono provocato dall'incessante attività delle trivelle e dalla continua diminuzione dei pascoli, i pastori e le loro famiglie non hanno altra scelta se non allontanarsi.

    Il film è stato presentato dal regista al Cinema Astra, venerdì 23 ottobre 2015.

  • GLI UOMINI DI QUESTA CITTÀ NON LI CONOSCO di Franco Maresco

    Doc, Italia, 2015, 88’
    con Franco Scaldati

    La vita e l'opera di Franco Scaldati, una delle figure più significative della seconda metà del novecento europeo, raccontata da Franco Maresco. Franco Maresco ha presentato il film al Cinema Astra domenica 25 ottobre 2015.

  • IN JACKSON HEIGHTS di Frederick Wiseman

    Doc, USA, 2015, 190’

    Un'analisi delle differenze razziali ed etniche che caratterizzano la zona di Jackson Heights, nel quartiere Queens di New York.

    Il film è stato presentato in anteprima a Napoli mercoledì 21 ottobre 2015 nell’ambito della quinta edizione di Venezia a Napoli. Il cinema esteso.

  • HEART OF A DOG di Laurie Anderson

    Doc, USA, 2015, 75’

    La musicista, artista e performer Laurie Anderson riflette sulla morte del proprio marito Lou Reed, della madre e dell'amato cane Lolabelle. Oltretutto condivide i propri punti di vista sull'amore e sul linguaggio.

  • OTELLO di Orson Welles

    Italia, Francia, USA, 1951, 97’
    con Orson Welles, Fay Compton, Suzanne Cloutier

    Durante il periodo delle Repubbliche Marinare, Otello, detto il moro di Venezia, viene inviato dal doge a difendere la roccaforte di Cipro dai Turchi, dopo il suo matrimonio con la bella e nobile Desdemona. Avendo scelto Cassio come aiutante, Otello provoca invidia e gelosia nel perfido Iago, che comincia ad insinuare dubbi sulla fedeltà della moglie. Con un artificio, il subdolo Iago crea l'incidente del fazzoletto di Desdemona. A questo punto l'ingenuo Otello gli crede e folle di gelosia, soffoca la moglie con un cuscino. Ma la verità viene a galla e Iago smascherato e condannato a morte. Otello non resiste però al rimorso e si suicida.

    Tratto dall'omonimo dramma di William Shakespeare, il film si è aggiudicato il Grand Prix du Festival come miglior film alla quinta edizione del Festival Di Cannes.

  • AMARCORD di Federico Fellini

    Venezia Classici Restaurati
    Italia, 1973, 123’
    con Pupella Maggio, Armando Brancia, Ciccio Ingrassia

    Un paesotto dell'Italia fascista rivive nella memoria del regista con tutti i suoi personaggi caratteristici. In questo ambiente onirico il giovane Titta naviga attraverso l'adolescenza verso l'età adulta.

    Il film si è aggiudicato il Premio come Miglior Film Straniero ai Premi Oscar nel 1975.

  • RABIN, THE LAST DAY di Amos Gitai

    Doc, Francia, Israele, 2015, 153’
    con Michael Warshaviak, Einat Weitzman, Yogev Yefet

    Amos Gitai torna dietro la macchina da presa per raccontare uno dei conflitti più difficili e complessi della storia contemporanea tra Israele e Palestina.

    Il regista israeliano ha presentato il suo film a Napoli il 2 ottobre 2015 in un’esclusiva italiana dopo Venezia 72, dove è stato in competizione per Il Leone D’oro. La serata speciale, rientrata nell’ambito del 17 Napoli Film Festival (28 settembre – 4 ottobre) come anteprima di Venezia a Napoli. Il cinema esteso (V edizione 22 – 25 ottobre) ha visto la presenza in sala del critico cinematografico Enrico Ghezzi.

  • NON ESSERE CATTIVO di Claudio Caligari

    Italia, 2015, 100’
    con Luca Marinelli, Alessandro Borghi, Roberta Mattei

    La periferia di Roma negli anni Novanta è un luogo dove dominano l'edonismo, le macchine di lusso e la cocaina. In questo scenario difficile, due ragazzi, Vittorio e Cesare si sostengono a vicenda nel tentativo di raggiungere il successo. Quando il primo riesce a trovare un lavoro, anche l'amico viene coinvolto immediatamente nell'affare.

    Il film, candidato agli Oscar 2016, è stato presentato dal produttore Valerio Mastandrea sabato 24 ottobre 2015.